Il Disturbo Bipolare colpisce anche i vip, Catherine Zeta-Jones ne soffre

Catherine Zeta-Jones

Si chiama Disturbo Bipolare o disturbo maniaco-depressivo, un problema di salute mentale non tanto diffuso ma che porta il soggetto che ne soffre ad avere anche gravi sbalzi di umore. L’alterazione dell’umore è caratterizzato da alterazioni del comportamento e dei pensieri può talvolta diventare gravemente invalidante per la persona che ne soffre.

E’ di alcuni giorni fa la notizia che l’attrice, stella del cinema, di fama internazionale Catherine Zeta-Jones soffre proprio del Disturbo Bipolare, e che è stata ricoverata in un clinica per le opportune cure mediche alle quali si era già sottoposta tempo fa. L’evento scatenante nel caso della bellissima attrice è stato, a quanto pare, la diagnosi di Cancro alla gola, diagnosticata anni fa al marito Michael Douglas.

Il Disturbo maniaco-depressivo, come già detto quindi condiziona l’individuo e si manifesta con due fasi ben precise che i ricercatori medici hanno ben catalogato e descritto:

La fase maniacale del Disturbo Bipolare

Le fasi maniacali, si manifestano con comportamenti non appropriati, o eccessivamente senza inibizioni. Spesso è l’euforia che emerge a dispetto degli altri stati d’animo, ma questa eccessiva “vitalità” si manifesta in modo esagerato e per l’appunto in modo inappropriato al momento. Nei stati maniacali del disturbo bipolare tutto sembra fattibile e possibile, e questa distorta visione della possibilità di compiere delle azioni può indurre l’individuo ad azioni impulsive anche pericolose.

L’eccessiva intraprendenza nel voler compiere delle azioni spropositate spesso però porta anche all’inconcludenza, e non si riesce a portare a termine i progetti ambiziosi che ci si è posti come obiettivo.

La violenta accelerazione dei pensieri, dei movimenti e delle azioni può anche portare alla mancanza di necessita di mangiare e bere e all’aumento di desiderio sessuale, di fatto la vita dell’individuo viene alterata notevolmente e la cosa peggiore è che chi ne soffre spesso è incapace di riconoscere la manifestazione del disturbo che si sta manifestando.

Tuttavia gli effetti della fase maniacale non sono solo quelli appena descritti, talvolta l’individuo è portato a convincersi che ha subito delle ingiustizie, e questo porta ad una eccessiva e praticamente quasi immotivata irritabilità, alcune volte tali scompensi di umore e tale energia spropositata portano alla “paranoia”.

La fase Depressiva

La fase maniacale comunque non si manifesta per periodi lunghissimi, tale periodo di tempo poi lascia spazio ad un’altra fase molto inquietante tanto per l’individuo che soffre del disturbo maniaco-depressivo, tanto per chi gli sta acconto. La fase Depressiva, che per l’appunto segue quella maniacale, è una repentina variazione dell’umore contraria alla prima fase.

Lo stato morale della persona precipita di colpo e l’umore diventa molto basso, di fatto nulla sembra più interessare alla persona, non ci sono “piaceri” che possano confortarla, il bisogno di nutrirsi o di dormire può subire squilibri manifestandosi in modo molto accentuato o molto ridotto, la vita e tutto ciò che essa comporta perde il suo valore e nei casi più gravi si può perfino arrivare all’autolesionismo e al suicidio.

La ricerca di conforto tuttavia nello stato di “depressione” del disturbo bipolare non manca, e quindi talvolta si è portati a far uso di alcol o droga nella speranza che il malessere possa avere fine.

Le ricerche affermano che la possibilità di soffrire di Disturbo Bipolare è indistinta tra uomo e donna e come abbiamo visto all’inizio di questo articolo, come ogni genere di malattia, il disturbo non si manifesta in base a classi sociali, anche se possono contribuire stili di vita molto stressanti. Le cause scatenanti del disturbo comunque esistono ma esistono anche delle specifiche cure per il problema.

Esistono poi cliniche e ospedali specializzati nella cura di questa disfunzione di umore, una di queste cliniche sta accogliendo proprio la bellissima Catherine Zeta-Jones a cui vanno tutti i nostri migliori auguri di pronta guarigione, sperando di poterla presto vedere sugli schermi cinematografici con il suo smagliante e sensuale sorriso.

 (fonte fotografia dell’attrice sito web Giornale di Sicilia)

Approfondimenti sul Disturbo Bipolare

 

Tags: , ,

Segui Projectvar su:

Iscriviti alla nostra newsletter e-mail per ricevere gli aggiornamenti.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Disturbo Bipolare: ne soffre anche la bella Cat... - 2 maggio 2013

    [...] Catherine Zeta-Jones è stata ricoverata in una clinica specializzata a causa del Disturbo Bipolare, un problema raro ma che arreca disagio e sofferenza.  [...]

Lascia un commento